Flavia Tronti in Persona/ae

Sabato 10 marzo alle ore 17.00 appuntamento ai Magazzini della Lupa di Tuscania con il vernissage della mostra fotografica “Persona/ae” della giovane artista Flavia Tronti. Le foto della serie “Persona/ae” sono frutto di un lavoro che dura da mesi e che è nato dalla collaborazione con l’attrice Laura Blundo. Persona come maschera, come gioco di ruoli e di identità alla riscoperta di una dimensione femminile nuova e lontana dagli stereotipi più consolidati. Quelle che presento sono figure femminili eteree e dure al tempo stesso, che si circondano di oggetti/amuleto personali e simbolici (come la mela, il carillon o le bambole dell’infanzia). Sono anche donne cupe, le cui storie emergono da fatti di cronaca nera italiana o dalle leggende più sconosciute che ci parlano di streghe suadenti e insospettabili. Figure insolite che ci guardano frontalmente cercando il nostro sguardo spesso intermittente. Figure di donne che giocano a ricoprire i ruoli maschili e che ci fanno riflettere sugli schemi e le abitudini che hanno viziato il nostro saper guardare. La mostra resterà aperta fino al 25 marzo il venerdì e il sabato dalle ore 15.30 alle ore 19.00, la domenica dalle ore 11.00 alle ore 13.00. Per info: magazzinidellalupa@libero.it, tel. 0761443239

Pubblicato in Attività | Contrassegnato | Lascia un commento

Canio Loguercio in Tragico Ammore

Sabato 3 marzo alle ore 21.00 ai Magazzini della Lupa di Tuscania appuntamento poetico e musicale con il concertino concertino di passioni & fiammiferi svedesi “Tragico Ammore” del poeta e cantautore Canio Loguercio. “Proprio sul filo di continue metafore di innocenti sconfitte procede la narrazione: il cantante si ostina nella ossessiva costruzione di macchine sterili, giocando con pezzi del kitsch più bieco (come una paperetta illuminata o uno sgangherato ombrellone da mare) o con strutture tubolari che monta e smonta durante i brani. Sembra quasi di vedere all’opera Remondi e Caporossi, quel loro teatro che si fa proprio nel mentre, letteralmente, si costruisce. Non ci sono vezzi da cantante, semmai il procedere serio e metodico di un operaio della scena: elegantemente vestito di nero, occhiali scuri, Canio Loguercio innesta i meccanismi barocchi di una via crucis desolata. Per questo performer le canzoni – i cui testi sono in un napoletano che rimanda più a Enzo Moscato che a Vincenzo Murolo – sono le battute, i monologhi amari di amori perduti, di sofferenze metropolitane, di marginalità esasperate. Sono testi-racconto a far da tesa partitura drammaturgica a questo “concerto” che, con raffinata ironia, suggerisce sentimenti e nutrimenti… “(Andrea Porcheddu – delTeatro.it). Testi di Canio Loguercio con interventi di Sara Ventroni, Gabriele Frasca, Enzo Mansueto, Rosaria Lo Russo, Tommaso Ottonieri, Lello Voce / Silvana Matarazzo, Peppe Bosone Musica di Canio Loguercio e Rocco De Rosa Video / Antonello Matarazzo, Canio Loguercio – voce, chitarre, arrangiamenti / Rocco De Rosa – tastiere, programmazione, arrangiamenti, grooves / Pasquale Trivigno. “Canio Loguercio fa crescere i suoi progetti in modo da non rinunciare mai a quella coerenza che l’ha distinto sinora e ne ha fatto un unicum nel panorama musicale italiano”. (Gian Luca Barbieri / La Cronaca).
Per info e prenotazioni: magazzinidellalupa@libero.it, tel. 0761443239, 3395764400

Pubblicato in Attività | Contrassegnato | Lascia un commento

Giuditta e Oloferne di Mariella Gentile

Appuntamento ai Magazzini della Lupa sabato 11 febbraio alle ore 17.00 con il vernissage della mostra di arte contemporanea “Giuditta e Oloferne” di Mariella Gentile. L’infinito sospeso sotto i nostri passi, direzioni suggerite dal destino verso un equilibrio impossibile da cercare con una forza interiore misteriosa. In questi strani equilibri sospesi il ritorno al passato supera la storia nella rappresentazione dell’ eterno presente, senza variazioni temporali, nel quale Oriente ed Occidente si fondono e si confondono nell’unica illusione di un’umanità impegnata alla ricerca di se stessa. L’equilibrio è il filo sospeso nella sostanza del sogno, la parte buia da percorrere prima dell’approdo. Ognuno cerca scampo come può : c’è chi si libera del proprio peso e indossa l’effimero che tralascia il senso, e chi trascinando sé stesso sfida razionalità ed emozioni, desideroso di rimanere aperto alla vita. Ma il filo è un mistero che non si lega, non sorregge, non guida, è un percorso ad occhi chiusi, in punta di piedi, ondivago come respiro ; e nel grembo della nostra immaginazione si accendono i colori, essenza di visioni oniriche, sogni impossibili da decifrare . Camminare, passo dopo passo, scandisce il succedersi del tempo, un itinerario esistenziale, il filo si distende oltre il presente, nel ricordo del passato e in quello che ci aspetta in futuro. La ricerca di accesso ad uno spazio vitale, fonte originaria di senso, resistente all’invadenza dei luoghi comuni. Nessuna fuga, Il mondo non è eliminato, è ancora lì, l’equilibrista si fa strada appesa ad un filo nell’aria : lo spettatore è per lui e lui è per lo spettatore. L’artista guarda alla vita, ricerca, senza mai arrivare alla consumazione del senso, le cui metamorfosi espressive si manifestano nelle molteplici tematiche della sua opera. La mostra resterà aperta fino al 26 febbraio, il venerdì e il sabato dalle ore 15.30 alle ore 19.00, la domenica dalle ore 11.00 alle ore 13.00. Ingresso libero. Per info e contatti: magazzinidellalupa@libero.it, tel. 0761443239

Pubblicato in Attività | Lascia un commento

Carlo Ruggiero in Automatica

Appuntamento ai Magazzini della Lupa di Tuscania, sabato 21 gennaio alle ore 21.00 con un grande concerto di musica d’autore: Carlo Ruggiero, accompagnato dalla sua band (Francesco Briotti pianoforte, Gianfrancesco Timpano basso, Francesco Nesta chitarra, Enrico Briotti batteria), si esibirà in Automatica. “Si dice sia un mondo strano il nostro, pieno di contraddizioni, a volte sfuggente a volte troppo scontato. Le emozioni si incrociano trapassando cose e casi. Spesso si fermano, magari il tempo necessario perché si possa godere di esse. Bisogna prenderle o catturare quanto di felice o a volte doloroso ci lasciano. Quelle di Carlo sono storie di intrecci e sensazioni, vissute con lo sguardo incuriosito della giovinezza e l’esperienza aspra ma scanzonata della maturità.” (Enrico Briotti)
Carlo Ruggiero nasce a Bobbio (PC), il 26 Gennaio del 1959. Successivamente si trasferisce in Umbria, risiedendo nel comune di Amelia (TR). Nel 1976 formò i “Silver side”, gruppo beat-rock attivo fino al 1979. Nel 1977 risultò sesto classificato su centinaia di giovani proposte, in un concorso di poesia organizzato e trasmesso da RCV radio.
Nel 1982, a soli 23 anni, gestisce a Terni la galleria d’arte moderna e contemporanea “Il modulo”. Tra i nomi che hanno collaborato attivamente: FRANCO LIBERTUCCI, NINO CORDIO, ROCCO FALCIANO, SERGIO CECCOTTI, EMILIO LARI, TANO D’AMICO, e DINO PEDRIALI. Nello stesso periodo scrive articoli su quotidiani quali “IL MESSAGGERO”, “CORRIERE DELL’UMBRIA” e la rivista “GUM” e partecipa ad alcune trasmissioni televisive su emittenti locali sul tema: arte e psicologia.
Tra il 1986 ed il 1987 si dedica al teatro e recita come protagonista in due opere del commediografo Giuseppe Manini, al quale è stato dedicato ed intitolato il Teatro Comunale di Narni (TR). Il personale percorso letterario e l’interesse per la musica, in particolar modo quella prodotta nei primi anni ’70, si fondono traducendosi in canzoni, grazie anche all’incontro nel 2000, con il musicista ed arrangiatore Alessandro Deflorio, con cui registra i primi inediti. Nel Giugno 2005 il concorso “Inedito per Maria” con il brano “Luce riflessa”, interpretato dalla cantante jazz Barbara Sabatini.
Scoperto nel 2005 dal produttore e cantautore Fabio Furnari, firma un contratto con l’Etichetta indipendente “Terre Sommerse”.
Nel Settembre del 2006 esce “Da qualche parte”, il primo disco, presentato l’11/11/06, al MUSEO DEGLI STRUMENTI MUSICALI di Roma. È del Novembre 2006 “Isola di vento”, un testo per l’interprete Martina Miniucchi, con l’intento di partecipare al FESTIVAL DI SANREMO.
Del 27 Febbraio 2008, invece, la partecipazione all’I.M.D. di Sanremo, e l’8 Dicembre 2008 al FABERDAY di Casalgrande (MO) insieme a cantautori quali Marco Baroni, Pier Cortese, Stefano Centomo, Alberto Bertoli, e molti altri.
Nel 2009 il testo di “Angeli di gesso”, interpretato dal cantautore Alessandro Cavalieri; il brano verrà presentato alla sessantesima edizione del FESTIVAL DI SANREMO.
Il 2010 è l’anno di uscita del suo secondo disco, “Automatica”, prodotto da “Terre Sommerse”.
Per info e prenotazioni: magazzinidellalupa@libero.it, cell. 3395764400, www.carloruggiero.com

Pubblicato in Attività | Contrassegnato | Lascia un commento

Apocalisse in pantofole – Francesco Franceschini

Sabato 14 gennaio alle ore 19.00, subito dopo il vernissage della mostra di pittura di Vittoria Panunzi “Impronte nella materia”, l’Associazione Magazzini della Lupa è lieta di invitarvi alla presentazione del libro Apocalisse in pantofole di Francesco Franceschini (Ed. Verba Volant, pag. 208, 13 €). Intervengono Vincenza Fava e l’autore, docente di lettere in un istituto superiore e conduttore radiofonico per Tna, che è arrivato al suo primo romanzo dopo avere scritto decine di racconti e avere vinto diversi premi letterari. Un’apocalisse sui generis quella che ci presenta Franceschini, senza catastrofi o premonizioni magico-spirituali. È come se l’apocalisse fosse sempre stata qui sulla terra, in un tempo eterno ed immobile, a insaputa degli inconsapevoli, degli uomini-cadaveri che si aggirano per il mondo a cercare risposte a domande che risposte, forse, non avranno mai. Tre amici, tra cinismo e disperazione, tra dubbi e attese, tra il fare e il non fare, si incontrano, parlano, si confrontano, si perdono per poi ritrovarsi, ognuno con il proprio bagaglio e la propria coscienza da analizzare in un linguaggio estremamente contemporaneo, privo di ridondanze retoriche, voce di esseri umani che, in un mondo perduto, cercano un’identità autentica nello scorrere apatico, ma teatrale, della vita quotidiana. Eppure l’Apocalisse, alter ego simbolico della morte (in un’attesa monotona e delirante come succede nella pièce En attendant Godot di Samuel Beckett), implica una rinascita, un cambiamento, una rivoluzione interiore per poter arrivare alla consapevolezza di un’esistenza autentica, oltre la contingenza del reale.
Per info: magazzinidellalupa@libero.it tel. 0761443239

Pubblicato in Attività | Contrassegnato , | Lascia un commento

Impronte nella materia – Vittoria Panunzi

Appuntamento sabato 14 gennaio alle ore 17.00 con il vernissage della mostra di pittura “Impronte nella materia” di Vittoria Panunzi. Impronte, colori, elementi naturali e tela si uniscono in un intreccio segnico di materiali e linee apparentemente armonici, i colori diventano contributi semiotici di un linguaggio intriso di immaginazione e di massicce presenze incorporee. “La materia dei miei quadri si riferisce in particolare a quella parte della mente mai abbastanza utilizzata pur essendone la più creativa: la fantasia. Le linee convulse delle mie composizioni la provocano e la stimolano fino all’interazione in un gioco di simmetrie apparenti. Nella loro unicità, crepe, segni ed abrasioni sono i veri protagonisti“ afferma la giovane artista. La mostra resterà aperta fino al 29 gennaio il venerdì e il sabato dalle 15.30 alle 18.30, la domenica dalle 11.00 alle 13.00.
Per info: magazzinidellalupa@libero.it, tel. 0761443239

Pubblicato in Attività | Contrassegnato , | Lascia un commento

La nuova stagione ai Magazzini della Lupa

Ai Magazzini della Lupa di Tuscania si
apre il calendario degli eventi della quinta stagione organizzato
dall’Associazione Magazzini della Lupa (Ivonne Banco, Mirna Manni, Vincenza Fava),
la Compagnia Ilaria Drago e l’Associazione Dark Camera di Marcello
Sambati. 

 

14 gennaio ore 17.00

Impronte
nella materia

mostra di pittura

di Vittoria Panunzi

Impronte, colori, elementi naturali e tela si uniscono in un
intreccio segnico di materiali e linee apparentemente armonici, i colori
diventano contributi semiotici di un linguaggio intriso di immaginazione e di
massicce presenze incorporee. “La materia dei miei quadri si riferisce in
particolare a quella parte della mente mai abbastanza utilizzata pur essendone
la più creativa: la fantasia. Le linee convulse delle mie composizioni la
provocano e la stimolano fino all’interazione in un gioco di simmetrie
apparenti. Nella loro unicità, crepe, segni ed abrasioni sono i veri
protagonisti“.

fino al 29 gennaio

14 gennaio ore 19.00

presentazione del romanzo Apocalisse
in pantofole

di Francesco Franceschini

coordina Vincenza Fava

“Una volta l’avevamo sentito raccontare di come il vento
portasse via, soffiando addosso agli uomini, tutte le cose che gli uomini
stessi trascurano, quasi a punirli della loro disattenzione. Ora che il vento
era morto, le cose trascurate gravavano sugli uomini come spade, affilatissime
e spietate.”

21 gennaio ore 21.00

Carlo
Ruggiero in Automatica

concerto musica leggera d’autore

testi e musica Carlo Ruggiero

Carlo Ruggiero voce

Francesco Briotti pianoforte

Gianfrancesco Timpano basso

Francesco Nesta chitarra

Enrico Briotti batteria

4 febbraio ore 21.00

Un corpo e
mille altri

di e con
Ilaria Drago

musiche
Marco Guidi

Il lavoro della Compagnia Ilaria Drago narrato attraverso le
suggestioni di alcuni fra i più importanti spettacoli portati in scena negli
ultimi anni: da Giovanna d’Arco a Mariacane e Simone Weil-concerto poetico,
fino all’ultima

produzione Antigone pìetas, dal progetto natura antigone
2011/2013.

per informazioni e prenotazioni potete contattare
info@ilariadrago.it oppure 349 6434264

11 febbraio ore 17.00

Giuditta e
Oloferne

mostra di pittura e scultura

di Mariella Gentile

L’infinito sospeso sotto i nostri passi, direzioni suggerite dal
destino verso un equilibrio impossibile da cercare con una forza interiore
misteriosa. In questi strani equilibri sospesi il ritorno al passato supera la
storia nella rappresentazione dell’ eterno presente, senza variazioni temporali,
nel quale Oriente ed Occidente si fondono e si confondono nell’unica illusione
di un’umanità impegnata alla ricerca di se stessa.

fino al 26 febbraio

3 marzo ore 21.00

Canio
Loguercio in Tragico Ammore

concertino di passioni & fiammiferi svedesi

Canio Loguercio narra un’improbabile storia d’amore che si snoda
lungo le trame di 15 «canzoni sussurrate», scritte per lo più in napoletano, la
«sacra madrelingua delle passioni». Preghiere d’amore come tante stazioni di
una via Crucis, di una processione con le sue litanie, i suoi riti…

4 marzo alle ore 17.00

Antonio
Cipriani

presenta

Presentazione del documentario e dell’e-book “Diario di un
attraversamento”, racconto corale su Tuscania ad opera del Laboratorio di
scrittura e giornalismo diretto da Antonio Cipriani.

prenotazioni info@ialriadrago.it oppure 3496434264

10 marzo ore 17.00

Persona/ae

mostra fotografica di Flavia
Tronti

Le foto della serie “Persona/ae” sono frutto di un lavoro che
dura da mesi e che è nato dalla collaborazione con l’attrice Laura Blundo.
Persona come maschera, come gioco di ruoli e di identità alla riscoperta di una

dimensione femminile nuova e lontana dagli stereotipi più
consolidati. Figure femminili eteree e dure al tempo stesso, che si circondano
di oggetti/amuleto personali e simbolici. Figure insolite che ci guardano
frontalmente cercando il nostro sguardo spesso intermittente. Figure di donne
che giocano a ricoprire i ruoli maschili e che ci fanno riflettere sugli schemi
e le abitudini che hanno viziato il nostro saper guardare.

10 marzo ore 21.00

la Compagnia Ilaria Drago al lavoro sul progetto natura
antigone 2011/2013
propone due movimenti sulla tragedia sofoclea,
scritti e diretti da Ilaria Drago con musiche di Marco Guidi:

secondo movimento per danzatrice:

compiere il rito

con Elena Barolo

terzo movimento per attrice:

forse chi mi giudica folle è folle egli
stesso

con Anna Rita Severini

per informazioni e prenotazioni info@ilariadrago.it 349.6434264

 

 

 

REFUGEE
[2011|2014]

ADESSO
& MUTO

ovvero

Tuscania, della poesia e dell’ascolto

atto poetico di
Isabella Bordoni

presentazione della residenza intorno alle ipotesi del paesaggio
come misura poetica

«Vorrei parlare di “mutismo”, se la nozione non fosse
determinata come una privazione di parola. Ora, io non vorrei parlare di privazione
quanto piuttosto di ritegno taciturno di un sovralinguaggio. Si tratterebbe di
un silenzio come taglio esatto, orizzonte della lingua, disegno tracciato
nettamente sul suo bordo, e contemporaneamente al bordo di tutte le arti,
[...]. La poesia, in queste condizioni, è esattamente nel luogo in cui le arti
si incontrano in quanto si dividono, e in quanto la dividono con loro.
Diciamolo in un altro modo ancora: la poesia renderebbe conto nel linguaggio di
ciò che, in quanto arte e differenza delle arti, costituisce bordo e taglio del
linguaggio.»

Jean-Luc Nancy, Fare i conti con la poesia

Per info: magazzinidellalupa@libero.it,
info@ilariadrago.it, tel. 0761.443239

Pubblicato in Attività | Lascia un commento

Ai Magazzini della Lupa di Tuscania il laboratorio di arti performative Dalla voce alla presenza – Pratiche Osservazione Composizione a cura di Anna Maria Civico

L’Associazione Magazzini della Lupa di Tuscania (Ivonne Banco, Mirna Manni e Vincenza Fava) vi invita a partecipare ad un interessante ed originale laboratorio teatrale (arti performative, teatro e musica) a cura di Anna Maria Civico “Dalla voce alla presenza” (Pratiche Osservazione Composizione). Durante il laboratorio si passerà dalle pratiche teatrali alle pratiche musicali sperimentali contemporanee e tradizionali. Il fine sarà l’attivazione di un flusso organico per la creazione, attraverso l’approfondimento di tecniche ed esercitazioni vocali e fisiche. L’allievo/a sarà condotto a rintracciare la propria poetica e gli aspetti qualitativi e formali unici per ognuna/o. Seguiranno strutture di canti di tradizione popolare e di frammenti delle improvvisazioni vocali/musicali. Gli allenamenti fisici creeranno la base per dare stabilità alla voce ed alla presenza ossia tracceranno una strada verso la performance per una pedagogia teatrale e culturale. Il laboratorio sarà così strutturato:
• Esercizi di propriocezione dalla tecnica Feldenkraise, training dinamici.
• Esplorazioni vocali, timbriche, ritmiche e di risonanza dello spazio.
• Tecniche mnemoniche.
• Apprendimento a memoria di testi su tematiche delle donne.
• Improvvisazioni ritmiche e armonizzazioni, dissonanze, unisono, polivocalità, attraversare i canti per trovare il Canto, la voce e il movimento “autentico”. Esercizi sulle qualità e parametri del movimento e del suono/voce.
• Orientarsi nella cultura poetico/letteraria del pensiero delle donne contemporanee.
• Verranno proposti canti narrativi femminili di tradizione popolare.

Per chi: artisti, operatori ambientali, culturali e sociali, insegnanti, terapeuti, educatori, artigiani, operai, studenti. A seguito di una partecipazione costante si rilascia attestato di frequenza. Le iscrizioni saranno aperte per tutto il mese di novembre. Il laboratorio si svolgerà ai Magazzini della Lupa di Tuscania (Via della Lupa, 10) ogni mercoledì dalle 19.00 alle 21.00, da dicembre 2011 a maggio 2012. Per info e iscrizioni: Anna Maria Civico amcivico@hotmail.com, cell.3396125233, www.annamariacivico.it, magazzinidellalupa@libero.it (Vincenza Fava, cell. 3395764400)

Pubblicato in Attività | Contrassegnato , , | Lascia un commento

“Acqua infuocata” mostra fotografica di Petra de Goede

Appuntamento sabato 5 novembre alle ore 17.00 ai Magazzini della Lupa di Tuscania con la mostra fotografica “Acqua infuocata – vapore acqueo (visuale indistinta)” in olandese “Gloeiend Water damp (vaag uitzicht)” di Petra de Goede. Una mostra affascinante e singolare in cui la fotografia diventa un dipinto scultoreo dell’animo umano in perenne ricerca della propria essenza e del proprio equilibrio. Di qui i due elementi naturali che, accostati, costituiscono apparentemente un ossimoro filosofico, ma anche emozionale: l’acqua e il fuoco, simboli di purificazione e rinascita, diventano gli archetipi per eccellenza dell’inconscio umano alla perenne ricerca del proprio “io puro”. L’artista olandese, trovando l’elemento di unione tra acqua e fuoco, ben riconoscibile nel vapore acqueo, riesce a superare l’antitesi per arrivare alla realizzazione di opere artistiche in cui il vapore, suggerisce una visuale indistinta delle cose, quasi a rappresentare il velo, le illusioni della nostra mente a contatto con la realtà circostante immersa nel Tempo, categoria di esperienza/effetto: le tracce degli eventi che vengono scolpiti ed elaborati nel nostro inconscio portano Petra de Goede a realizzare immagini e forme in cui il tempo diventa una priorità per l’evoluzione del nostro esser-ci, oltre le apparenze della Forma stessa. Evoluzione che viene ben trasmessa dai colori, toni e luci nordiche dell’opera ‘Wezen’ (una delle tante presenti in mostra), ovvero ‘quiddità’. L’opera consiste in tre pannelli fotografati nel periodo 2005-2010 ad Haamstede, una delle più belle spiagge olandesi. “Per cinque anni sono tornata nello stesso posto, un posto che conosco da quando ero bambina. È uno dei varchi più lunghi per attraversare le dune, perciò non c’è quasi mai nessuno, qui il tempo sembra non esistere, l’acqua è immutata, i suoni sono gli stessi. Mi dà un grande senso di pace e fiducia. I pali fotografati sono pali con una posizione precisa; ci proteggono in quel punto, sono dei frangi onde. Sono forti, ma al tempo stesso mutabili, spariscono sotto la sabbia o cambiano nel tempo grazie all’influenza degli elementi” afferma l’artista. Il cerchio, simbolo della perfezione, la compiutezza (il desiderio) dei soggetti fotografati dall’artista, sono riconoscibili come forma definita. Eppure, portandosi oltre con lo sguardo, si cominciano a vedere frange irregolari che addolciscono il primo impatto e lasciano spazio all’approfondimento e alla fantasia dello spettatore divenendo quasi un mandala che riesce ad oltrepassare ogni significato ovvio e convenzionale. L’inquadratura dello stesso soggetto circolare muta completamente, cambiando posizione; con la visione frontale ‘il pizzo’ del contorno stimola la nostra mente e in più aggiunge colore. Il vento, l’acqua, il sole, la sabbia hanno avuto campo libero per lasciare le loro tracce. Il legno, una volta vivo, si lascia plasmare diventando una scultura naturale. La mostra resterà aperta fino al 27 novembre, il venerdì e il sabato dalle ore 15.30 alle 18.30, la domenica dalle ore 11.00 alle ore 13.00. Per info: magazzinidellalupa@libero.it, tel.0761443239, arteagricoltura@virgilio.it , Associazione Magazzini della Lupa, via della Lupa, 10 Tuscania (Vincenza Fava, Mirna Manni, Ivonne Banco)

Pubblicato in Attività | Contrassegnato | Lascia un commento

Senza parole – dipinti e sculture di Paola Cordischi

Appuntamento ai Magazzini della Lupa di Tuscania (Via della Lupa, 10, centro storico) sabato 1 ottobre alle 17.30 con il vernissage della mostra di dipinti e sculture “Senza parole” di Paola Cordischi. Un’ esposizione afasica incentrata sul sentire, in luogo del dire, del sentenziare con la verità in tasca. Pittura e Scultura come anticorpi contro la voce roca e demente di una società in disfacimento che usa le parole per confondere le coscienze, invece che risvegliarle, prima che sia troppo tardi. L’ispirazione anti-classica dei lavori in mostra rimanda ad antiche civiltà e ai loro saperi scomparsi di cui l’Arte resta l’unica testimonianza diretta. I materiali utilizzati sia nei dipinti che nelle sculture sono resti di ferro arrugginito insieme ad altri materiali di recupero, cioè rifiuti di una società che spreca con leggerezza e distrugge il pianeta con indifferenza. I temi trattati si ispirano alla contemporaneità, agli accadimenti attuali che lasciano con il fiato sospeso e “ senza parole”. La mostra resterà aperta fino al 23 ottobre, il venerdì e il sabato dalle ore 16.00 alle ore 19.00, la domenica dalle ore 11.00 alle ore 13.00. Per maggiori info: tel 0761.44 3239 – 340.8750060 , magazzinidellalupa@libero.it

Pubblicato in Attività | Contrassegnato , | Lascia un commento